3000 Euro il finanziamento per la ricerca di base offerto dal MIUR.

Riportiamo il testo e il link della lettera del Circolo Giorgio Errera pubblicata su Euroscientist.

3000 Euros for basic research activity: the latest action of the Italian Ministry of University and Research (MIUR)

Astonishment is the only possible reaction at reading the latest call for funding of MIUR http://www.anvur.it/attachments/article/1204/Avviso_pubblico_Procedura~.pdf.

Italian researchers based on Italian universities can apply for an individual fund of 3000 euro in order to support their basic research activity.  The idea of supporting basic research activity by funding less than half of the 35.363 associate professors and researchers with a sum of 3000 euros, after a time consuming and centralized selection process, sheds light on the tragic state of funding for our Universities.  The idea of supporting their basic activity by individual budgets of 3000 euros reveals the inconsistency of the analysis of standard cost (if any has been done) for most of the experimental research activities carried out in our institutions.

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Lascia un commento

Il “Campo dei santi” al Valla ed il ruolo dell’Accademia

La Redazione del Circolo Errera legge con stupore dichiarazioni del Rettore del Collegio Valla, del Rettore dell’Ateneo e del presidente Edisu, che fanno appello a principi di libertà d’espressione, rispetto e inclusione per motivare l’autorizzazione data alla presentazione del libro “Il campo dei santi” di Jean Raspail (1973), organizzata dal circolo di estrema destra “Ordine Futuro Pavia”. In questi termini sono state fatte dichiarazioni alla stampa ed è stato risposto alla richiesta del Coordinamento per il diritto allo studio di fermare l’iniziativa.

La Redazione fa appello ai principi di responsabilità e di opportunità che avrebbero dovuto muovere il Collegio nella scelta dei discussant del libro, dato l’uso politico e strumentale – in chiave razzista, e dunque fortemente illiberale – che ne è stato fatto nel tempo. È difficile trovare responsabile ed opportuna la scelta dei discussanti.

Sottolineiamo che l’oggetto del contendere non è il diritto di parola, di discussione su qualunque libro, di contrapposizione di argomenti su tutti i temi più scottanti del nostro tempo. La difesa di questo diritto e dovere è sacrosanta e fuori discussione.

I principi su cui va posta l’attenzione (e che la meritano) sono altri. Si chiede al contesto accademico di assumere l’impegno di fare da filtro culturale rispetto a comportamenti e atteggiamenti illiberali e a tradizioni di stampo fascista e razzista. La richiesta non ci appare peregrina. Ci sembra cioè che meriti una risposta assai meno generica ed elusiva.

Pubblicato in Articoli | Lascia un commento

Il populismo si fonda sulle falsità. Intervista a Vargas Llosa.

In una recente intervista al Corriere della Sera sul tema delle elezioni in Francia, Vargas Llosa, il grande romanziere peruviano, afferma “Il populismo si fonda sulle falsità” ed esprime con chiarezza quello che il Circolo Errera cerca di promuovere: “gli intellettuali devono tornare a occuparsi di politica”.

http://www.corriere.it/esteri/17_aprile_23/populismo-si-fonda-falsita-5b4f7176-2799-11e7-b1fd-6ac3feee71e3.shtml?refresh_ce-cp

Pubblicato in Articoli | Lascia un commento

Politica universitaria – Forum di discussione

Le recenti politiche governative in materia di università, con il taglio delle risorse e l’imposizione di una connotazione fortemente competitiva agli atenei, stanno profondamente cambiando la vita dei docenti universitari dal punto di vista sia della ricerca, sia della didattica, sia anche dell’impegno burocratico, sempre crescente. L’ateneo pavese ha risposto a queste sollecitazioni in modi diversificati, suscitando apprezzamenti ma anche critiche.

La redazione del circolo Errera ha così creduto opportuno aprire un forum di discussione al fine di facilitare uno scambio ad ampio raggio di opinioni e di incoraggiare proposte costruttive ma anche eventualmente critiche.

Al fine di favorire la libera discussione i post non saranno firmati, previo un controllo da parte della redazione volto a selezionare esclusivamente informazioni, analisi e proposte  che aiutino a capire il presente e che siano utilizzabili per disegnare strategie future.

Vai al forum.

Pubblicato in Interventi | Contrassegnato , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Marcia per la scienza – Iniziativa a Pavia

Il 22 aprile a Roma si terrà la Marcia per la scienza, lanciata negli USA, e ripresa in Francia e in Italia.

Per parlare delle ragioni e degli obiettivi della Marcia, il Circolo Errera ha organizzato un incontro che si terrà venerdì 21 aprile, alle ore 11, Aula di Storia della musica, in Università Centrale, secondo piano (affacciata sul cortile Volta).

Tutti i cittadini sono invitati

Pubblicato in Attualità - Eventi | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Una marcia per la scienza

Gli scienziati degli Stati Uniti hanno deciso di unirsi insieme per organizzare una grande Marcia per le Scienza (#ScienceMarch, @ScienceMarchDC). Altri hanno seguito il loro esempio in Francia (@ScienceMarchFR) e ora anche in Italia (@ScienceMarchIT) ci si aggiunge alle oltre 400.000 persone che si sono già mobilitate.

Il Circolo Errera dell’Università di Pavia sostiene la Marcia della Scienza, promossa negli Stati Uniti e rilanciata anche in Europa.

Lo scopo di questa marcia, che si svolgerà in tutto il mondo il prossimo 22 Aprile, è di affermare il ruolo informativo degli studi scientifici e la sua importanza per tutti.

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Tesoretti fantasma?

L’articolo di Massimo Sideri sul Corriere della Sera (vedi link 1)   ha almeno il merito di suscitare reazioni  che riportino un minimo di verità sullo stato di difficoltà delle nostre Università..

La situazione sommariamente e impropriamente definita di abbondanza di risorse inutilizzate è al contrario quella di un impoverimento crescente del nostro sistema di alta formazione e ricerca.

La voce della senatrice Cattaneo si è fatta sentire ancora una volta (vedi link 2a e 2b) per chiarire con dati alla mano che non vi sono tesori nascosti nelle casse dei nostri atenei, ma piuttosto debiti crescenti per difendere la dignità dell’insegnamento e della ricerca e il decoro dei luoghi.

C’è un gran bisogno di partire dalla verità dei numeri e accorgersi che, ad esempio, l’ateneo di Pavia, per difendere una decorosa sopravvivenza della sua attività, dovrà indebitarsi con mutui bancari per una cifra di almeno 12 milioni di euro da qui al 2019 che serviranno per garantire aule dignitose ai futuri medici, laboratori didattici ai chimici e farmacisti, ed evitare il crollo di monumenti come il cortile San Felice che si vede parzialmente nella foto.

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | Lascia un commento

Elena Cattaneo a Pavia. “Scienza e politica. Il caso italiano”

CATTANEO_webScienza e Politica. Il caso Italiano

1.12.2016, S. Maria Gualtieri, Piazza della Vittoria, Pavia, ore 18:00

Incontro con la Senatrice Elena Cattaneo promosso e organizzato dal Circolo Universitario Giorgio Errera

Parteciperanno alla discussione: Vittorio Bellotti, Elena Giulotto e Giuseppe De Nicolao.

Continua a leggere

Pubblicato in Attualità - Eventi | Lascia un commento

The Rector’s Cuts: sul Technopole, un Question time con omissis

Rectors_cut2The director’s cut sta a indicare quella versione di un film, curata dallo stesso regista, che reintegra delle scene che nella prima versione erano state eliminate per mancanza di spazio oppure per censura. A tagliare alcune scene del Question time del 14 settembre 2016, è invece stato proprio il governo dell’ateneo che ha messo a disposizione un Rector’s cut con tre tagli in altrettanti momenti “caldi” dell’evento.

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli, Multimedia | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Appello alle donne e agli uomini dell’Università

Siamo davvero impotenti di fronte alla violenza e alla guerra assunte come unico modo per regolare i rapporti tra gli uomini?
Siamo davvero impotenti di fronte all’involuzione autoritaria impressa da molti governi, e oggi dal governo turco, alla vita democratica del loro paese?
Per comprendere e valutare quanto sta succedendo in Turchia occorre certamente il tempo dell’analisi informata e non ideologica. Tuttavia, abbiamo fin d’ora il dovere di riflettere. Se il primo atto repressivo del governo nel dopo golpe è stato privare della libertà di movimento e limitare così la libertà di insegnamento e di ricerca migliaia di nostri colleghi e colleghe (come conferma in un’intervista del 28 luglio 2016 Betül Tanbay, presidente della Società Matematica Turca, che non ha potuto partecipare al congresso della European Mathematical Society di Berlino perché tutti gli accademici turchi sono diffidati dal lasciare il paese), o addirittura costringerli alle dimissioni, quanto sta succedendo è la prova dell’immenso potere che il pensiero critico, la diffusione del sapere e la libertà di ricerca hanno nella vita delle comunità, in quanto indispensabile terreno di coltura della democrazia e della pace.

Continua a leggere

Pubblicato in Articoli | 5 commenti